CROWD COMMUNICATION Agenzia specializzata nella realizzazione di Strategie di Marketing e Comunicazione per il lancio di Campagne di Equity Crowdfunding

Campagne di Equity Crowdfunding

FAQ

(Frequently Asked Questions)

In questa pagina analizziamo e spieghiamo alcuni concetti utili sull’equity crowdfunding.

Abbiamo creato questa sezione del sito per spiegare il loro reale ed effettivo significato per chi vuole investire in una campagna.

Si parla di “equity-based crowdfunding” quando tramite l’investimento on-line si acquista un vero e proprio titolo di partecipazione in una società: in tal caso, la “ricompensa” per il finanziamento è rappresentata dal complesso di diritti patrimoniali e amministrativi che derivano dalla partecipazione nell’impresa.

L’equity crowdfunding è uno strumento innovativo che aiuta le startup e le PMI Italiane a trovare capitale per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali e per aiutare la crescita del proprio business.

Una startup/PMI candida il suo progetto su una piattaforma di equity crowdfunding autorizzata. Se il progetto viene considerato idoneo, viene pubblicato. Dal momento della pubblicazione, tutti gli  interessati potranno investire e in base alle somme versate avranno una quota della società. Se il progetto va a buon fine diventano soci e la società acquisisce le somme raccolte. In caso contrario le somme versate verranno riaccreditate sui conti degli investitori senza nessun costo.

I progetti posso essere tutti validi. L’importante è che esprimono un valore aggiunto, così da poter attirare investitori interessati ad investire.

Nel mondo dell’equity crowdfunding si parla di ritorni economici sull’investimento, nel momento in cui la società fa divisioni di utili. In proporzione alle quote possedute, si determina la marginalità sull’investimento o nel momento in cui si vendono le quote acquisite ad un prezzo maggiorato dall’aumento del valore della società. 

Il modello real estate ha la stessa iter operativa di un qualsiasi altro progetto di equity crowdfunding. L’unica differenza risale sul progetto d’investimento che, in questo caso, si basa sull’acquisto di un’immobile e della successive rivendita.

Quando si investe in una campagna di lending crowdfunding si prestano i soldi a chi pubblica il progetto e come ritorno economico si ricevono degli interessi. Mentre nell’equity crowdfunding si diventa soci della società proponente e per questo si deve aspettare gli utili della società che non possono essere predefiniti nel momento in cui si fa l’investimento ma potrebbero essere di valore superiore a quelli ricevuti dal lending o inferiori e, in alcuni casi, si può perdere totalmente il capitale investito. 

La perdita totale dell’investimento fatto, quando l’azienda fallisce è un rischio liquidità perchè nel caso in cui si desideri vendere le quote acquisite non è facile trovare acquirenti terzi interessati a comprarle. Inoltre, vi è il forte rischio di venderle a un valore inferiore a quello d’acquisto, non essendoci un mercato di scambio.

Non esistono limiti alla possiblità da parte di startup/PMI di pubblicare un progetto equity crowdfunding. L’importante è presentare bene il proprio progetto ed esprimere un valore aggiunto, per invogliare l’investitore ad investire i propri soldi.

Crowd Communication Logotipo

Al lancio della tua Campagna ci pensiamo noi.

Pronti a lavorare insieme?

    Nome *
    Cognome *
    Telefono *
    Email *
    Il tuo messaggio *

    Oppure hai qualche domanda?